Un viaggio di mille miglia comincia sempre con il primo passo. - Lao Tzu ...se poi è un passo alpino, meglio! - Pao

sabato 9 agosto 2008

9-10-11 agosto 2008 Weekend Veneto - Km. totali 702




9 agosto

Weekend lungo nel Veneto per fare visita a due nostre amiche, Sonia a Montecchio Maggiore (VI) e Paola a Monselice (PD) per poi rientrare, allargandoci su  Fiesso Umbertano (RO) per un saluto agli zii di Flavia.
Sicuramente è solo il primo giorno quello meritevole di una più accurata descrizione. 
I valichi programmati sono parecchi, e il paesaggio sicuramente più interessante.
Imbocchiamo subito la Tangenziale Est che ci porta sulla A4 direzione Venezia.
Usciamo ad Ospitaletto, e passando per Rodengo Saiano e Gussago ci portiamo sulla strada della Val Trompia. Da Collio la strada comincia a salire verso il Passo di Maniva.
Al bivio tra il Maniva e la strada che porta al Passo di Croce Domini voltiamo a destra sul tornantino (non segnalato adeguatamente) e dopo pochi metri eccoci sul pianoro del Passo d Maniva. 





Scendiamo verso Bagolino, e da li sbuchiamo in Val Caffaro sulle sponde del Lago di Idro. Risaliamo il lago e a Storo, voltiamo verso la Val di Ledro.
Al Passo d'Ampola ci fermiamo per il pranzo.




Terminato il pranzo, su consiglio del gestore, saliamo al Passo di Tremalzo.
Il bivio è proprio in prossimità del ristorante e dopo quasi 13 chilometri di salita giungiamo al passo.




Il gestore del ristorante aveva proprio ragione; complice la bella giornata di sole, il panorama era davvero spettacolare. Scendiamo da Tremalzo e ci ributtiamo sulla strada che ci porta a Riva del Garda attraversando Bezzecca,  Ledro con il suo lago,


fino ad arrivare al nuovo e lungo tunnel  (5 Km) dell'Agnese e del Dom che ci porta a Riva del Garda, sulla riva nord dell'omonimo lago.
Da Riva risaliamo verso Rovereto facendo la strada inversa a quella fatta l'anno prima. rivalicando il Passo San Giovanni. A Mori  evitiamo la lunga Galleria Tierno, attraversiamo l'Adige e ci ritroviamo a Rovereto che oltrepassiamo  imboccando la Strada statale 46 del Pasubio. 
Poco dopo Rovereto, in località Trambileno, dalla parte opposta del torrente Leno notiamo incastonato nella roccia l'Eremo di San Colombano.


Il troppo poco tempo non ci permette una sosta per la visita ma solo una foto dalla strada, quindi proseguiamo.



Il valico di Pian delle Fugazze si trova proprio sotto il Pasubio. Foto d'obbligo, i chilometri da fare sono ancora parecchi quindi si riparte quasi subito.



Terminata la discesa, a Valli di Pasubio voltiamo sulla strada provinciale 246 Recoaro, per valicare il Passo Xon. La salita pur non essendo impegnativa è molto suggestiva dal punto di vista panoramico.



Arrivati a Recoaro, puntiamo su Valdagno; ormai la meta è vicina ma avendo ancora un po' di tempo a disposizione, a Valdagno risaliamo fino al Passo Zovo che divide i comuni di Schio e Valdagno.


Ormai la giornata volge al termine; ridiscendiamo nuovamente a Valdagno e terminiamo il nostro primo giorno a Montecchio Maggiore da Sonia.


Per cena Sonia ci porterà ad Arcugnano sui Colli Berici; sulla salita una tetra costruzione si staglia sullo sfondo: "L'Incompiuta" di Brendola. 


Vista di sera, l'aspetto della costruzione è davvero inquietante. Queste foto sono state scattate la mattina successiva. Arrivati alla Trattoria il Poggio di Arcugnano, tra cena (molto buona), chiacchiere e risate trascorriamo la serata. Poi il meritato riposo.

Mappa 1° giorno


- Tragitto: Km. 342

- Valichi:  Passo Maniva                     mt. 1.664  (BS)          GPS
               Passo d'Ampola                  mt.    747  (TN)          GPS
               Passo del Tremalzo            mt. 1.694  (BS - TN)   GPS
               Passo San Giovanni            mt.    287  (TN)          GPS
               Passo Pian delle Fugazze    mt. 1.163  (VI)           GPS
               Passo Xon                         mt.    671  (VI)           GPS
               Passo Zovo                       mt.    631  (VI)           GPS

- Ristoro: Ristorante Pizzeria Ampola - Tiarno di Sopra (TN)   GPS
- Cena: Trattoria al Poggio - Torri di Arcugnano (VI)  GPS

______________________________________

10 agosto

La giornata è dedicata al trasferimento da Montecchio Maggiore a Monselice.
L'unica asperità in programma è quella fatta la sera precedente: i Colli Berici.
Ripassiamo davanti a "L'Incompiuta" di Brendola,


sfioriamo Vicenza e prendiamo la strada provinciale 247 Riviera Berica che ci porta ad Este ed in breve arriviamo a Monselice prima di pranzo.
Il pomeriggio lo passiamo con Paola e i suoi gatti;



e la sera usciamo per cena e ci rechiamo sui Colli Euganei, per l'esattezza a Torreglia.
La vista dal ristorante merita sicuramente di essere immortalata con qualche immagine...


Rientriamo a casa di Paola, che ci ospiterà gentilmente per la notte. 

Mappa 2° giorno


- Tragitto: Km. 82

- Cena: Ristorante Piccolo Marte - Torreglia (PD)  GPS

______________________________________

11 agosto

Terzo ed ultimo giorno. Nessuna salita, nessun valico...strada piatta!
Dopo esserci accomiatati da Paola, ci dirigiamo verso Rovigo per giungere a Fiesso Umbertiano dove ci aspettano gli zii di Flavia.
Pranziamo da loro e nel pomeriggio riprendiamo il viaggio alla volta di Milano.
Dopo pochi chilometri eccoci a ... PAOLINO!


Entriamo nella Strada statale 434 Transpolesana (una superstrada) a Fratta Polesine che lasciamo poi a Legnago per prendere la Strada statale 10 Padana Inferiore in direzione Mantova. Il tragitto, estremamente piatto e diritto, è abbastanza noioso. Da Mantova a Cremona è una serie di lunghi rettilinei che inviterebbero ad aprire il gas salvo pensare agli autovelox disseminati sulla strada.
A Cremona ci instradiamo sulla Strada statale 415 Paullese che ci porta diritti fino a Milano rischiando di prendere la pioggia a poco dall'arrivo.

Mappa 3° giorno


- Tragitto: Km. 288

______________________________________

Stanchi specialmente per l'ultima giornata ma contenti di aver visitato posti splendidi e di avere incontrato persone a noi care.