Un viaggio di mille miglia comincia sempre con il primo passo. - Lao Tzu ...se poi è un passo alpino, meglio! - Pao

mercoledì 10 giugno 2015

5 giugno 2015 - Valsassina, Val Taleggio, Val Brembilla e Valle Imagna in solitaria




Complice un non previsto allungamento delle ferie lavorative, approfitto per un giretto mattutino tra alcune valli lecchesi e bergamasche e per pranzare con mia moglie durante la sua pausa pranzo.
Parto di buon mattino e per mezzo della Tangenziale Est e della statale mi conduce a Lecco.

Lecco Ballabio (Youtube)

Salgo in Valsassina attraverso la vecchia strada, stretta e tortuosa ma sicuramente più piacevole; dopo l'apertura del tunnel che da Lecco porta direttamente e velocemente in valle, il traffico sul vecchio tratto si è quasi azzerato.
Percorro velocemente  il tratto di Valsassina fino al bivio per Barzio, in cui ho passato parecchio tempo vacanziero in gioventù.
Il paese è quasi deserto, la stagione non è ancora cominciata: mi sposto verso Moggio per imboccare l'impegnativa salita fino al Culmine di San Pietro dove sosto brevemente per un caffè.

Moggio Culmine S.Pietro (Youtube)




La discesa, da effettuare con cautela anche a causa del brecciolino presente, mi porta in provincia di Bergamo, in Val Taleggio

Culmine S.Pietro Avolasio (Youtube)

Qui la strada oltre ad allargarsi migliora anche come fondo.

Val Taleggio (Youtube)

Poco dopo Vedeseta, a Olda inverto la marcia in direzione Val Brembilla e superato l'abitato di Peghera in breve raggiungo la Forcella di Bura, confine naturale tra le due valli, Taleggio e Brembilla.


Immortalato il momento, proseguo in un saliscendi continuo, attraversando Gerosa, Blello fino ad entrare in Valle Imagna a Berbenno dove la strada nuovamente scende per S.Omobono Terme.
In fondo al paese, all'altezza dello stabilimento termale, la strada riprende a salire con decisione, con alcuni tornanti molto stretti e continui.

Costa Imagna Passo Valcava (Youtube)

L'ascesa prosegue fino al bivio per Valcava; li incrocio e saluto due motociclisti (che scopro essere finnici!)



e imbocco l'ultima asperità prima dello scollinamento del passo. Arrivato in breve in cima, ultime foto,



e riparto per scendere a valle , anche in questo caso con molta circospezione a causa della insidiosità dell'asfalto e dalle pendenze notevoli, fino al 18%.




A Torre de' Busi, in Valle San Martino, termina il tratto in discesa  e da qui in avanti il trasferimento sarà estremamente rapido.
Passando per Caprino, Cisano, Imbersago, Robbiate e Bernareggio, giungo con qualche minuto di anticipo da Flavia.
Pranzo sempre speciale da Valentino quindi il ritorno, sotto un sole cocente, a casa.



Google Maps

- Tragitto: Km. 197

- Valichi: Passo Culmine di San Pietro  mt. 1.258   (LC-BG)     GPS
              Forcella di Bura  mt. 884   (BG)     GPS
              Passo di Valcava  mt. 1.340   (BG-LC)     GPS
 
- Colazione: Bar La Culmine di San Pietro - Cassina Valsassina (LC)   
GPS          

- Ristoro: Hotel Bar Valentino - Bellusco (MB)  GPS

Nessun commento:

Posta un commento